Convegno sul dipinto murale di Antonio Sanfilippo

Il ritrovamento fu fatto in una abitazione di campagna

Redazione Prima Pagina Partanna
Redazione Prima Pagina Partanna
20 Ottobre 2021 15:54
Convegno sul dipinto murale di Antonio Sanfilippo

Dopo oltre tre anni di pausa e silenzio sullo stato dei lavori del dipinto murale dell’artista partannese Antonio Sanfilippo, ritrovato, alcuni anni fa, nell’abitazione di campagna dei coniugi Sieli, si è tenuto, ieri, Martedì 19, presso le Scuderie del Castello Grifeo, un incontro dal titolo “ Antonio Sanfilippo – Cronaca di un Ritrovamento” a cui hanno partecipato il sindaco Nicolò Catania, la Soprintendente del Mare Valeria Li Vigni, il presidente del Pam Vito Zarzana, il critico d’arte Bruno Corà e l’artista trapanese Francesco Impellizzeri.

L’attenzione sull’importante ritrovamento era stata posta dall’impegno del prof. Sebastiano Tusa che, con il supporto della moglie Valeria Li Vigni, allora direttrice del Museo Riso di Palermo, avevano coinvolto l’Amministrazione partannese ed alcuni importanti studiosi del settore, tra tutti il prof. Bruno Corà per la valorizzazione dell’opera. Tra i lavori , negli anni passati, furono svolti: un convegno di presentazione ed un Workshop, cui parteciparono uno dei più importanti artisti contemporanei, Jannis Kounellis ed i giovani dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, i quali ,nei giorni successivi al Workshop, realizzano alcuni opere, che vennero esposte nelle sale dell’ex Monastero delle Benedettine.

Dall’incontro di ieri è emerso, non tanto il valore dell’opera di Sanfilippo, che ricordiamo risale agli inizi della carriera dell’artista e quindi ha un impronta prettamente scolastica ed acerba, ma la potenzialità che un ritrovamento storico di questa entità possa significare per valorizzare appieno un artista di caratura mondiale come lo stesso Corà ha lasciato intendere. Infatti il critico d’arte ha volutamente sorvolato sul dipinto, anche dopo l’invito del Sindaco ad esporre le caratteristiche tecniche del murale, e si è limitato a descrivere da dove avesse mutuato l’spirazione creativa l’artista per la realizzazione dell’opera, lasciando l’aspetto tecnico alla libera interpretazione del fruitore.

Corà si è proiettato più avanti con un’ottica quasi politica, suggerendo alle Istituzioni presenti la possibilità o meglio il dovere di commemorare il centenario della nascita di Sanfilippo che avverrà nel 2023, con una mostra itinerante del suo lavoro e possibilmente con la nascita di un’apposita Fondazione che possa diffondere l’opera dell’artista nel territorio con una ricaduta notevole nel campo del turismo culturale.

Stefano Caruso

In evidenza