Incentivi fino a 500 mila euro per cultura e turismo

A breve la piattaforma per caricare le istanze, lo afferma l'on. Caputo

Redazione Prima Pagina Partanna
Redazione Prima Pagina Partanna
07 Gennaio 2022 09:22
Incentivi fino a 500 mila euro per cultura e turismo

Grazie ad un sinergico lavoro tra Governo regionale, mio e del gruppo parlamentare di Forza Italia, da questo mese anche in Sicilia – fino ad ora esclusa - saranno attivI gli incentivi di Cultura Crea per lo Sviluppo delle imprese dell'industria culturale e turistica, fino a un massimo di 500 mila euro. Un risultato senza precedenti, che premia la mia richiesta per l'inserimento della Regione tra i beneficiari della misura.

Per questo ringrazio il dirigente generale del Dipartimento della programmazione, Federico Lasco e l’assessore regionale alle attività produttive, Mimmo Turano, i quali hanno accolto la mia istanza e attivato le procedure. Si tratta di incentivi per lo sviluppo e il consolidamento d'impresa, in favore di tutte le micro, piccole e medie imprese - incluse le cooperative - costituite da oltre 36 mesi e che appartengono all'industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e del settore manifatturiero tipico locale”.

Lo afferma il deputato regionale di Forza Italia, Mario Caputo.

“A breve – conclude il Parlamentare – Invitalia attiverà la piattaforma per la presentazione delle domande. Grazie a tali novità introdotte a seguito della modifica dell'Accordo Operativo tra la Regione Siciliana e il Ministero della Cultura, saranno finanziabili programmi di spesa nelle seguenti aree di intervento: a) servizi per la fruizione turistica e culturale; b) promozione e valorizzazione delle risorse culturali; recupero e valorizzazione di produzioni tipiche locali. Una grande opportunità per una terra che in quanto a cultura e turismo non è seconda a nessuno. Approfittiamone”.

Si ricorda che le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e prevedono congiuntamente:

1) il finanziamento agevolato a tasso zero fino al 60% della spesa ammessa, elevabile al 65% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità;

2) un contributo a fondo perduto fino al 20% della spesa ammessa, elevabile al 25% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.

In evidenza