Giusy Savarino rinuncia alla carica di consigliere

Dopo l'ingresso in giunta, Santo Corrente ha deciso di lasciare la poltrona di consigliere

Redazione Prima Pagina Partanna
Redazione Prima Pagina Partanna
10 Novembre 2021 12:22
Giusy Savarino rinuncia alla carica di consigliere

Dopo l'ingresso in giunta di Santo Corrente, avevamo preventivamente parlato della possibilità che quest'ultimo si fosse dimesso da consigliere per dare spazio a Giusy Savarino. Ma ancor prima d'entrare nel consesso civico, arriva la rinuncia. Cosa c'è dietro a questa rinuncia? La ricordiamo "battagliera" nella campagna elettorale del giugno del 2018, data delle ultime amministrative, quando Giusy Savarino si candidò per provare a tornare a Partanna dopo circa 13 anni d'insegnamento a Torino e non lo nascondeva, anzi, lo spiegamento di forze fu tanto; la famiglia, il marito Giuseppe Gulino, il "fraterno" Santino Atria già consigliere e vice presidente del consiglio alle precedenti elezioni, gli amici più stretti richiedevano un voto per Giusy.

La Savarino voleva usare il modo più lecito e legale per tornare nella sua Partanna e la possibilità di diventare consigliere comunale era ghiotta, ma i 205 voti ottenuti non sono bastati per farla eleggere. Non avendo raggiunto l'obiettivo, il sindaco Nicolò Catania aveva provato a nominarla presidente della commissione Ex art.5, ma anche questa nomina d'ufficio non era sufficiente per farla tornare a casa e così amareggiata dovette rifare le valigie per rientrare al nord.

Da settembre 2021, finalmente dopo 18 anni d'insegnamento Giusy Savarino è definitivamente in provincia di Trapani, grazie al concorso del 2018 vinto a pieni voti, magari oggi avendo raggiunto l'obiettivo senza l'ausilio della politica avrà ritenuto "più dignitoso" non sedere su quella poltrona.

Di fatto ora toccherà a Raffaele Beninati rientrare in consiglio comunale, con i suoi 100 voti ottenuti alle ultime elezioni.

In evidenza