Agroalimentare Sicilia: servono misure adeguate

Agroalimentare Sicilia, Basset (Cia): davanti alle sfide globali per essere davvero competitivi servono misure adeguate

Redazione Prima Pagina Partanna
Redazione Prima Pagina Partanna
30 Ottobre 2021 17:26
Agroalimentare Sicilia: servono misure adeguate

“Con questo convegno abbiamo voluto mettere l’accento sull’importanza di trovare misure adeguate per favorire la competitività e la resilienza delle imprese del settore agroalimentare e la loro sostenibilità. Nel prossimo futuro ci aspettano più che mai sfide sul piano della competitività a livello globale e la Sicilia ha potenzialità enormi che devono essere messe a frutto da politiche mirate. Anche perché il comparto agroalimentare ha un peso determinante sul Pil dell’Isola e fa da volano a diversi altri settori dell’economia.

La Cia Agricoltori Italiani resta al fianco delle imprese piccole e grandi, che producono qualità, sostenibilità e cibo salutare, in una sfida con grandi multinazionali che con le loro politiche tendono a soffocare interi territori come la Sicilia”. Queste le dichiarazioni di Luca Basset, direttore della Cia Sicilia Occidentale, in apertura del convegno sul tema “Piano Strategico Nazionale: misure per favorire la competitività e la resilienza delle imprese” che si è svolto questa mattina, al teatro Garibaldi di Mazara del Vallo, in occasione del Blue Sea Land, l'Expo dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente.

Al convegno, promosso dalla Cia e coordinato da Graziano Scardino, responsabile Settori Produttivi Cia Sicilia, sono intervenuti Cristina Chirico, dell’Ufficio Internazionale Cia-Agricoltori Italiani, Domenico Mastrogiovanni, direttore dei Centri di Assistenza Agricola-Cia, e Antonino Algozzino, presidente Pescagri. Le conclusioni di Rosa Giovanna Castagna, presidente Cia Sicilia.

In evidenza