Mazara, Al VIA la corsa per le elezioni regionali, in Consiglio comunale “nostalgia” per la “guerra fredda”

Redazione Prima Pagina Partanna
Redazione Prima Pagina Partanna
15 Luglio 2020 10:20
Mazara, Al VIA la corsa per le elezioni regionali, in Consiglio comunale “nostalgia” per la “guerra fredda”

Il Consiglio comunale dello scorso 13 luglio rappresenta un vero spartiacque rispetto all’equilibrio che sembrava stabilito (ma lo abbiamo sempre scritto che si trattava di un equilibrio effimero e soltanto dettato da interessi individuali) con le scorse elezioni amministrative, avvenute poco più di un anno fa, fra le liste civiche di maggioranza che hanno sostenuto l’elezione del sindaco Salvatore Quinci.

Si è vero, è trascorso poco più di un anno dalle elezioni che sembrano ormai un ricordo lontanissimo, anche per la fase di lockdown che da marzo a maggio ha in pratica bloccato l’attività politica-amministrativa ( ma, volendo, non certo la progettualità grazie allo smartworking). Finito l’entusiasmo elettorale, anche diciamo la verità per i “variegati” accadimenti che hanno segnato questo primo anno di amministrazione, la politica, anzi sarebbe meglio parlare di interesse politico, sta iniziando nuovamente a dettare l’agenda ed il prossimo traguardo, salvo sorprese a livello nazionale, è rappresentato dalle prossime elezioni regionali.

Nel corso della suddetta seduta consiliare si è pertanto assistito a manovre di posizionamento politico che certamente influiranno, e non poco, sulla attività amministrativa e sulla tenuta della maggioranza. Crediamo che da qui alle prossime elezioni si registreranno movimenti, strategie e pedinamenti (politici si intende), tipici di una vera “spy story” all’ombra della “cortina di ferro”, e che poco avranno a che fare con le necessità reali di una Città in piena crisi economico-sociale, e senza attenuanti (risparmiamocele pure) a causa dell’emergenza covid-19.

Si attendeva e finalmente si è materializzata la costituzione del gruppo consiliare del movimento VIA fondato pochi mesi fa dall’ex senatore Nino Papania e che ha visto molte adesioni in Provincia, e pertanto anche a Mazara del Vallo, di esponenti anche con una diversa storia politica (ciò fa riflettere…).

Capogruppo di VIA è il consigliere Pietro Marino, eletto con i “Futuristi” di Nicola Cristaldi, poi passato, insieme alla fedelissima Enza Chirco, in maggioranza con il nuovo gruppo “X Mazara” (che ha sostituito “Mazara Bene Comune”); Pietro Marino non ha però mai rinnegato la sua vicinanza a Nino Oddo referente regionale del PSI. Marino, il quale non ha nascosto la sua candidatura alle prossime regionali, nel suo discorso pronunciato in Consiglio comunale (e pure attraverso qualche intervista) ha più volte inveito contro i “comunisti” riferendosi a qualche rappresentante della maggioranza consiliare e non; l’alterco fra lo stesso Marino ed il capogruppo di “SiAmo Mazara”, Giuseppe Palermo (neo segretario cittadino del Pd) rappresenta una delle pagine più indecenti della storia del Consiglio comunale di Mazara del Vallo; lo stesso presidente del Consiglio comunale, Vito Gancitano (anche lui sembrerebbe proiettato verso la candidatura alle Regionali), fiutata la brutta atmosfera, avrebbe potuto stoppare entrambi chiudendo i microfoni anche a rischio di essere additato come “fascista” o “comunista”, fa lo stesso visto che in molti all’interno dello stesso Consiglio considerano le due ideologie allo stesso modo.

Lo scontro sul piano personale fa Marino e Palermo (vedi in foto copertina) avrebbe irritato anche il primo cittadino presente, come sempre, in Consiglio (forse stavolta se ne è pentito). Non è stata una bella immagine per la Città!

Tornando al nuovo gruppo consiliare VIA, questo è costituito oltre che da Pietro Marino ed Enza Chirco, da Antonio Colicchia (vice capogruppo), subentrato in consiglio dopo le dimissioni del consigliere di “Mazara Bene Comune” eletto, cioè l’attuale assessore Michele Reina; fra Reina e Colicchia è scoppiata una sorta di “guerra fredda”. Altri componenti di VIA: Ilenia Quinci (eletta con la Lega). Al movimento di Papania hanno aderito anche i consiglieri Stefania Marascia e Gioacchino Emmola, che al momento rimangono nel gruppo consiliare “SiAMo Mazara” con il quale eletti: certe scelte (come mantenere il piede in due scarpe) rappresentano un rompicapo, spiegabili solo attraverso logiche dettate dall’opportunismo.

Questa la dichiarazione di tutti i consiglieri aderenti al movimento VIA la cui sigla, lo abbiamo finalmente appreso, significa “Valori Impegno Azione”: “L’obiettivo è quello di mettere al centro del nostro impegno, le competenze e la voglia di dare risposte al territorio, una voglia fatta non solo di pensiero ma anche e soprattutto di responsabilità. Ci anima la voglia di migliorare Mazara del Vallo partendo dal confronto politico in seno all’organismo di rappresentanza più importante: il Consiglio Comunale ma anche con tutte le realtà politiche, sociali, associative ed economiche impegnate sul territorio.

Supporteremo  questa amministrazione ogni qualvolta cio’ gioverà per il bene comune e ci opporremo quando riterremo opportuno farlo . La nostra azione sarà di monitoraggio attento alle decisioni pubbliche e delle pratiche di governo locale sarà il nostro strumento per immaginare e definire una nuova politica per Mazara del Vallo, riteniamo il ruolo del Consigliere Comunale molto importante; chi siede in Consiglio ha il compito di vigilare sull’operato di chi amministra, di dare suggerimenti,  aiuti e anche soluzioni se ritenuti necessari, nell’interesse della collettività e dei cittadini.

Illustreremo ai cittadini il nostro percorso e le nostre idee nei prossimi giorni in una conferenza stampa alla presenza di uno dei leader del nostro movimento, il Vice Presidente Vicario dell’Assemblea Regionale Siciliana On. Roberto Di Mauro, ed altri esponenti del Governo Regionale”.

Francesco Mezzapelle

In evidenza